Caserma “Mario Musso” di Saluzzo (Cn)

L’insediamento del quartiere militare venne deciso dai Savoia all’indomani del Trattato di Lione del 1601 che sancì il definitivo passaggio del Marchesato di Saluzzo dalla dominazione francese a quella sabauda.
Nel 1683 la città ospita la cavalleria sabauda. Quasi un secolo dopo nel 1776, l’architetto saluzzese Michele Borda progetta la sistemazione del nuovo quartiere della Cavalleria. Più edifici vennero costruiti e poi ristrutturati nella zona di borgo San Martino sino alla definitiva sistemazione decisa dal Comune ed iniziata nel 1845 su disegno dell’architetto Rayneri. Proseguita nel 1847 su progetto del geometra Ansaldi, la costruzione venne ultimata nel 1862 sotto la direzione del geometra Bernardino Degiovanni. Nel 1868 fu ricostruito il maneggio coperto secondo il disegno dell’ingegnere Giovanni Ferrari. Il primo reparto ad essere ospitato nella nuova caserma fu il reggimento cavalleggeri “Lucca”.
Dal 1951 al 1991 fu sede del Gruppo Artiglieria da Montagna “Aosta”.
Dal 1993 le antiche scuderie dopo la ristrutturazione, sono divenute sede di importanti rassegne ed eventi di artigianato e antiquariato.
Il corpo centrale dovrebbe diventare sede dell’istituto d’arte “Bertoni”.

Mario Musso (30.1.1876 – 17.9.1915) capitano comandante la 21^ compagnia del battaglione alpini “Saluzzo”
decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare:
“Attaccato da forze nemiche molto superiori, con calma e sicura intelligenza respingeva ripetutamente per dieci ore gli attacchi nemici- Gravemente ferito, continuava ad esercitare il suo comando trascinandosi lungo la linea di fuoco per rincuorare i dipendenti alla resistenza. Ritiratosi momentaneamente in un piccolo ricovero della trincea per medicarsi, ne usciva poi quando già il nemico minacciava di circondare la compagnia e dava disposizioni per il ripiegamento del reparto, rifiutandosi di essere trasportato per non causare ritardi e maggiori perdite e facendo così nobile sacrificio della propria vita”.
(Val di Puartis 14 settembre 1915)

Dalle nostre gallery....

Facebook